Aziende. Dubai Duty Free celebra i 35 anni di attività e brinda con le bollicine italiane a base brachetto dell’Acqui docg Rosé di Bersano. Ricagno (Consorzio): «Buon segnale per tutta la filiera»

inserito il 31 ottobre 2018

dubai-duty-free-702x335

Dubai Duty Free è la più grande struttura commerciale dell’aeroporto di Dubai, negli Emirati Arabi, presente, come format, anche in altri scali del mondo. Quest’anno DDF, come viene chiamata dagli addetti ai lavori, celebra i 35 anni di attività nello scalo aeroportuale emiratino e ha scelto come spumante ufficiale l’Acqui docg Rosé della maison Bersano, con Cantine e vigneti tra Nizza Monferrato (Asti) e l’Acquese.

Come si sia arrivati a questo partnership lo spiega Paolo Lovisolo, direttore commerciale della Bersano: «Lavoriamo da qualche tempo con il DDF di Dubai e da subito abbiamo registrato un interesse crescente verso i vini di alta gamma italiani e piemontesi. Un’evoluzione logica per una comunità multiculturale com’è quella della città emiratina». Lovisolo racconta che al Dubai Duty Free è possibile acquistare, tra altri vini piemontesi, anche il Brachetto docg “tappo raso” che ha incontrato molto i favori della clientela. «È stato il vino che ci ha aperto le porte della più importante struttura commerciale di vendite negli aeroporti internazionali» dice e conferma come il Dubai Duty Free abbia scelto l’Acqui docg Rosé come spumante celebrativo dei 35 anni di attività nello scalo emiratino e di cui pubblichiamo in anteprima la bottiglia prodotta con il sigillo speciale. «Un onore – commenta Lovisolo – che condividiamo con la filiera per un neo nato Acqui docg Rosé che sembra avere molte potenzialità tanto sul mercato italiano che su quello estero».

Soddisfazione da parte di Paolo Ricagno, presidente del Consorzio di Tutela del Brachetto e vini dell’Acquese e che ha fortemente voluto l’Acqui docg Rosé, versione non dolce del rosso aromatico più famoso del Piemonte: «È una soddisfazione non solo per una delle Case vinicole più attive e importanti per la filiera del brachetto, ma anche per l’intero comparto che da segnali di questo tipo deve prendere spunto per riprendere in mano il proprio futuro».

 

 

 

 

 

Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.