Aziende. Gancia dà i numeri: fatturato, utili, mercati e quasi 30 milioni di bottiglie prodotte e una nuova immagine. «È la nostra rinascita»

inserito il 8 novembre 2018

drink-beauty-lr

Passare in quattro anni da -13 a +4,6 (e non si parla di temperature, ma di milioni di euro di fatturato) fa un certo effetto. Se poi chi ne parla è la Gancia di Roustam Tariko, il tycoon russo che cinque anni fa ha rilevato la maison culla del primo spumante d’Italia, allora la notizia c’è tutta. Qui di seguito la nota stampa con cui l’azienda di Canelli (Asti) dà conto delle proprie ultime performance in tema di fatturato, di produzione e dove si parla anche di una nuova immagine glamour delle bottiglie in linea con le ultime tendenze delle maison che fanno bollicine, in Italia e nel mondo. Buona lettura.

Il 2018 rappresenta un anno di svolta per la casa piemontese che, grazie a una brillante intuizione di Carlo Gancia, inaugurò nel 1865 una nuova stagione nella produzione spumantistica italiana. La memoria storica di F.lli Gancia oggi si impone con orgoglio, rivendicando il primato di aver prodotto il primo spumante Metodo Classico in Italia e proponendosi con una nuova immagine, che recupera solo il meglio del passato e rappresenta un elogio a tutto ciò che di più bello c’è nel nostro Paese.

Così, la nuova veste dai colori audaci e gioiosi, frutto del restyling e della nuova brand identity Drink Beauty,avvolge le bottiglie di spumante di Metodo Classico con una capsula di alluminio colorato e cangiante, che ricorda le feste e l’allegria, ma anche la cura con cui, fin dal 1865, i mastri cantinieri di Casa Gancia proteggevano le bottiglie per non danneggiarle durante il trasporto sui pendii intorno a Canelli (Asti), sede dell’azienda.

La gamma Alta Langa di Gancia si arricchisce di due new entry: il prestigioso Brut Riserva 2006 120 mesi e il Pas Dosé 36 mesi, che si aggiungono agli Alta Langa DOCG Brut 36 mesi e Brut Riserva 2009 60 mesi. Gli altri Metodo Classico Gancia sono il 18 mesi Metodo Classico Brut, il 18 mesi Metodo Classico Brut Rosé e l’Asti DOCG Metodo Classico 24 mesi, in onore del primo spumante realizzato da Carlo Gancia nel 1865.

Drink beauty e questi spumanti parlano della bellezza del nostro Paese, delle vigne dell’Alta Langa, dell’Asti, dell’arte e della storia d’Italia, una bellezza che è profondamente radicata nell’identità, nella storia e nei vini di Gancia, “prodotti in Italia, prima dell’Italia”. Oltre a guardare alla bellezza, l’azienda rilancia la qualità dei suoi vini, risultato del lavoro e della passione che i maestri cantinieri mettono da sempre.

I risultati di questa rinascita si vedono anche nei numeri: F.lli Gancia registra finalmente un attivo di 4.635.000 € (nel 2013, si registrava -13.045.000 €): nel 2017 il fatturato ha superato i 60 milioni di €. La produzione è passata dal 2014 al 2018 da 19.234.689 a 28.050.000 bottiglie, con una crescita in termini di volumi prodotti di circa 8 milioni e 800mila pari al 46% in più (il comparto spumanti copre quasi il 90% della produzione).

Tutto ciò anche grazie a Roustam Tariko, proprietario del gruppo Roust, che ha acquisito Gancia nel 2011 e che, fiancheggiato dal Presidente Alessandro Picchi, ha sostenuto ingenti investimenti in qualità e sicurezza, ridando uno slancio verso i mercati esteri e facendo ottenere all’azienda ottimi progressi nelle esportazioni. Incoraggiante, infatti, si rivela il dato sull’export, che nel 2017 ha rappresentato il 55% delle vendite in volume (45% mercato Italia) trainato dai mercati USA, Russia e Regno Unito.

 

Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.