Aziende. I trent’anni della “Moscateria” di Castiglione Tinella, tra vini nuovi e splendide tradizioni

inserito il 30 luglio 2019

67307766_2296273953813679_2968685221811060736_n

Simone Cerruti è un amico che ha avuto il fegato di fare vino e ribattezzare la sua struttura di accoglienza in quel di Castiglione Tinella (Cuneo), un’area camping, alcune camere di charme e un ristorante tipico, “Moscateria” in onore al moscato che lì la fa da padrone, nel bene e nel male.
Ora l’attività, insieme alla Casa vinicola che porta il nome di Simone, ha compiuto trent’anni. C’è stata una festa con musica e vino, come si conviene. Simone ci ha mandato qualche riga e alcune foto che volentieri pubblichiamo. (foto di Laura Canaparo)

Sono passati trent’anni dall’apertura del nostro agriturismo, uno dei primi in Piemonte. Innumerevoli sarebbero gli aneddoti da raccontare, non basterebbe un libro. Abbiamo festeggiato questo importante traguardo (anche se la nostra gestione non è di qualche anno in meno) con il debutto di NICCHIA, il nostro nuovo vino bianco, fermo e secco da uve moscato bianco.
Lo abbiamo presentato a qualche amico operatore, giornalisti e autorità insieme agli amici di @aroma di un territorio (gruppo di giovani produttori della zona ndr) . Un grazie particolare al vicepresidente della Regione Piemonte, Fabio Carosso, al sindaco di Castiglione Tinella, Bruno Penna, al presidente del Consorzio dell’ Asti e del Moscato d’ Asti, Romano Dogliotti, per aver partecipato. Grazie anche a tutti gli altri che hanno dato il loro contributo.
Altrettanti di questi anni? Chissà. Intanto godiamoci questo di compleanno, con un buon bicchiere di Moscato, dolce o secco che sia.

Simone Cerruti 

Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.