Aziende. Novità da Cuvage e Ricossa. Intervista a Stefano Ricagno: «Ecco l’Alta Langa 36 mesi e l’Acqui docg “Sei Anime”»

inserito il 8 settembre 2019

img_3739

Novità per Cuvage, la cantina acquese che produce spumanti, e Ricossa, antica Casa nota per i suoi vini classici, entrambi marchi piemontesi che fanno parte della galassia Mondo del Vino.
Dunque le novità riguardano le bollicine metodo Classico e un vino “fermo” non dolce a base di uve brachetto.
A parlarne è Stefano Ricagno, direttore di Cuvage che nel video intervista che pubblichiamo spiega caratteristiche, identità e prospettive dei due vini: un Alta Langa docg Millesimato Metodo Classico firmato da Cuvage con 36 mesi di affinamento che si inserisce tra le bollicine d’élite piemontesi (info qui) e un originale Acqui docg rosato, da uve brachetto, un vino fermo, non dolce che promette di ispirarsi alla tradizione dei vini rosati di Provenza (info qui).
A questo proposito una curiosità: all’Acqui docg rosato è stato dato il nome di “Sei Anime”. Spiega Stefano Ricagno: «Le uve da cui nasce questo vino arrivano dalle vigne di brachetto del paese di Sessame, nell’Astigiano, al confine con l’Acquese. Ci siamo ispirati a una delle teorie storiche secondo cui il nome Sessame deriverebbe dal latino e indicherebbe le parole “sei anime”».
L’Alta Langa docg 36 mesi Cuvage è stato anche presentato in anteprima nel corso di eventi enogastronomici allestiti in locali della zona. Qui pubblichiamo le immagini della serata che si è svolta al ristorante Pappa & Vino di Acqui Terme, dove l’Alta Langa di Cuvage, insieme all’Asti Secco e al Brachetto spumante docg, è stato abbinato a piatti della tradizione acquese e piemontese.

SdP

Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.