Sei nella categoria ‘rumors’

(da Internet) Tartufo nero in cucina Nonostante il “silenzio permanente” della Regione nascono ancora progetti pro tartufo nero. ...

Sul fronte Brachetto le notizie sono due e le diamo in ordine cronologico: la costituzione dell’associazione di vignaioli, che è stata fissata per l’8 aprile, e il summit con vignaioli, cantine sociali, sindacati rurali e sindaci, annunciato dalla Provincia di Asti. ...

È ormai questione di giorni (se non di ore) la costituzione di Assobrachetto, l’associazione che vuole raggruppare viticoltori e vinificatori del comparto legato alla trasformazione dell’uva rossa aromatica coltivata tra Sud Astigiano e Acquese. ...

San Giovanni Bosco, il sacerdote pedagogo nato nel paese di Castelnuovo nel Nord Astigiano che in suo onore diventato Castelnuovo Don Bosco, diventi il patrono dei vignaioli. ...

Il Piemonte sfida Norcia e i francesi a colpi di tartufo nero. Sdp, pubblicando una decina di giorni fa alcune indiscrezioni, aveva anticipato il progetto regionale che va sotto il titolo provvisorio “L’oro nero del Piemonte”. Ora quell’iniziativa, che coinvolge la zona di produzione del “tuber nero” una larga fascia di Sud Piemonte tra Canelli e Alba, è...

La notizia è che il Piemonte, dopo decenni passati a parlar di Tuber Magnatum Pico, cioè di tartufo bianco d’Alba, sta per varare un robusto progetto di promozione sul tartufo nero ovvero il Melanosporum Vit, varietà pregiata invernale, e l’Aestivum o “scorzone” che si raccoglie d’estate. Sdp ha già raccolto le prime indiscrezioni. ...

Cade quest’anno, precisamemte a giugno, il trentennale dell’assegnazione della prima certificazione a dop (denominazione d’origine protetta) alla robiola di Roccaverano, l’unico formaggio caprino italiano a latte crudo, cioè realizzato con l’uso di latte non pastorizzato. ...

Aldo Squillari, 53 anni, sposato, una figlia sedicenne, originario di Mombercelli, centro astigiano tra Asti e Nizza Monferrato, residente e Torino, manager con varie esperienze in importanti aziende internazionali, è stato nominato nuovo direttore del Consorzio tutela dell’Asti. «L’obiettivo primario - ha dichiarato il presidente del Consorzio, Emilio Barbero...

«Se si vuole seriamente affrontare il problema della guida alterata occorre chiedersi quali sono le conseguenze di una pubblicità esplicita e camuffata che ha trasformato l’uso di alcuni prodotti in qualcosa di molto “in” e ha favorito l’adozione di certi modelli comportamentali da parte dei giovani». Parole dell’assessore all’Agricoltura della regione...

Andrea Ghignone è da due mandati sindaco di Moasca, centro astigiano tra Canelli e Nizza Monferrato, è anche presidente della comunità collinare “Tra Langa e Monferrato” che raggruppa otto Comuni della zona, e da ieri, 22 gennaio 2009, è anche presidente dell’Enoteca regionale “di Canelli e dell’Astesana”. Una carica prestigiosa...

.