Concerto di fine anno. Capod’Asti con Elisa e oltre 15 mila persone (secondo gli organizzatori) tra musica e fiumi di Asti spumante, dolce e secco

inserito il 1 gennaio 2018

elisa-1

Riceviamo e pubblichiamo dal Consorzio dell’Asti una nota stampa sul concerto di fine anno che si è svolto la notte tra il 31 dicembre 2017 e il primo gennaio 2018 in piazza Alfieri ad Asti. Sul palco la cantante Elisa, ha condotto l’ex “jena”, Marco Berry, hanno organizzato il Consorzio dell’Asti con Collisioni, l’organizzazione che cura il festival di Barolo, insieme a enti pubblici (Comune, Provincia, Regione), privati e altri consorzi. Questo il resoconto ufficiale:

“Un brindisi collettivo di oltre 15 mila persone ha salutato l’arrivo del 2018 in piazza Alfieri, nel cuore di Asti . Grande musica, accoglienza, voglia di stare insieme e di augurarsi un futuro spumeggiante.

Si chiude con un grande successo il primo promosso dal Consorzio dell’ASTI Docg in collaborazione con Collisioni FestivalPiù di 15.000 le persone che hanno sfidato il freddo per essere presenti in piazza Alfieri ad Asti e brindare insieme al nuovo anno con ASTI Dolce, ASTI Secco e MOSCATO d’ASTI Docg.

A scaldare il palco è stata Chiara Dello Iacovo, artista astigiana finalista di Sanremo Giovani 2016., intervallata dai divertenti sketch di Marco Berry, che ha intrattenuto il pubblico, accompagnando il pubblico fino al momento del brindisi. 

La voce di Elisa ha incantato la piazza con una performance coinvolgente che ha regalato una scaletta di quasi 20 brani, inclusi grandi successi come “Luce, tramonti a nordest”; “Eppure sentire”; “Rainbow” e l’ultimo singolo “Ogni Istante”. Un modo straordinario per coronare 20 anni di carriera, che Elisa ha festeggiato quest’anno.

 A mezzanotte i 14 stand allestiti in piazza hanno offerto al pubblico un bicchiere di bollicine offerto dal Consorzio per brindare al nuovo anno. A chiudere la serata, il concerto della band torinese TWEE, che hanno fatto ballare la piazza a notte inoltrata con il loro sound pop-rock alternativo.

Clima caldo, nonostante la pioggerellina che a tratti ha caratterizzato la serata con un temperatura che è rimasta comunque sopra lo zero, mitigata dai cappellini in pile venduti a scopo benefico dall’Aisla: un colorato souvenir del Capod’Asti. 

Alcuni numeri della serata:

3500 pasti serviti dai ristoranti che hanno aderito alle Cene dei Tre Brindisi

oltre 15.000 persone hanno brindato in piazza

oltre 5000 bottiglie stappate: ASTI Dolce, ASTI Secco, MOSCATO d’ASTI

2000 cappellini venduti

1600 posti letto in città occupati: le strutture alberghiere di Asti e comuni limitrofi sono esaurite

Una festa allegra e coinvolgente, svoltasi senza incidenti, con il regolare flusso di persone passate ai controlli di sicurezza. Sono state un successo anche le “Cene dei tre brindisi” che hanno visto, prima del concerto, circa 3500 commensali in una ventina di ristoranti, brindare con l’ASTI  Secco, i vini promossi dal Consorzio Barbera d’Asti e il MOSCATO d’ASTI Docg. 

Maurizio Rasero, Sindaco di Asti, dichiara: “Una serata incredibile, Asti questa sera è stata capitale del Nordovest. Un evento unico per questa città, che ci fa scoprire una piazza che si presta a eventi di questa portata. Proprio per questo mi auguro che il Capod’Asti possa diventare un appuntamento fisso del fine anno astigiano.”

Romano Dogliotti, Presidente del Consorzio dell’ASTI DOCG, aggiunge: “Penso che una serata così briosa e spumeggiante Asti non l’abbia mai avuta. Speriamo che sia la prima di una lunga serie e che abbia contribuito a far conoscere e apprezzare l’ASTI Secco, l’ASTI Dolce e il MOSCATO d’ASTI alle tantissime persone che hanno partecipato all’evento. Organizzare un maxi concerto in piazza ad ingresso gratuito è stata una scelta che ha coinvolto e impegnato la Prefettura, le Forze dell’ordine, i Vigili del Fuoco, la Croce Verde e centinaia di altre persone addette ai servizi. A tutti loro va un grazie di cuore”.

Filippo Taricco, Direttore Artistico di Collisioni, conclude: “E’ stata l’edizione zero di un evento importantissimo, che si è dimostrato un successo. Abbiamo avuto numeri importanti da tutto esaurito, resi possibili da un’organizzazione seria, che ha visto la collaborazione con le forze ordine, la Prefettura, lo staff di Collisioni e del Consorzio. Abbiamo vissuto un Capodanno in piena serenità e armonia, le persone hanno fruito di un clima gioioso e l’energia che si è percepita in piazza era positiva. Negli ultimi tempi le piazze ricordano spesso fantasmi di incidenti e terrorismo, ma rimangono luogo di incontro e di democrazia. Dobbiamo continuare a riaffermare questo valore centrale, andando oltre le difficoltà.”

Il Consorzio dell’Asti ringrazia Collisioni per l’organizzazione tecnica dell’evento e il Comune di Asti,  nella persona del sindaco Maurizio Rasero per aver creduto nel progetto e averlo  sostenuto con passione. Un sentito ringraziamento agli sponsor che hanno creduto nell’operazione: Regione Piemonte, Banca di Asti, Fondazione Cassa di Risparmio di Asti e al Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato che ha collaborato alle Cene dei Tre Brindisi. Un grazie anche al presidente della Provincia Marco Gabusi, che ha messo a disposizione il palazzo utilizzato come backstage dall’organizzazione.

Fin da ora si lavorerà dunque per organizzare al meglio il Capod’Asti 2019″.

elisa-3

 

 

Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.