Consorzio dell’Asti. Intervista al neo presidente Dogliotti: «Imperativo portare le rese del moscato a 100 quintali per ettaro. La rinascita dell’Asti parte dalle vigne»

inserito il 11 maggio 2017

170511dogliottiube005

Quando scende la scala che porta dove lo attendono i giornalisti per le prime interviste da presidente la prima cosa che fa è mandare scherzosamente a quel paese chi lo chiama “signor presidente”: «Io sono un vignaiolo, non scordatelo, sennò mi arrabbio» dice con un sorriso largo.
Romano Dogliotti è il nuovo presidente del Consorzio dell’Asti. Di parte agricola, come vuole una regola non scritta che alterna la presidenza dell’ente tra rappresentanti di parte industriale e dei vignaioli.
Dogliotti è la faccia del Moscato, anzi, “Big” Romano è il Moscato. Ci è nato, ci è cresciuto e ci ha cresciuto i suoi figli.
SdP lo ha intervistato più volte. «Sono entrato in Consiglio di Amministrazione del Consorzio 27 anni fa. Mi volle Vittorio Vallarino Gancia, che ho sentito e mi ha fatto gli auguri» dice.
Qui la nostra video intervista al neo Presidente Romano Dogliotti


Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.