Crisi Covid-19 e agricoltura. Il Piemonte chiama Roma e Ue. Risponderanno? Intanto l’assessore Protopapa (Regione) parla al ministro Bellanova

inserito il 10 Marzo 2020

Aveva anticipato a SdP (leggi qui) che avrebbe chiesto a Roma aiuti e strumenti per limitare la crisi in cui, a causa dell’emergenza Covid-19, sta precipitando l’agricoltura piemontese e lo ha fatto. L’assessore regionale Marco Protopapa (Agricoltura) ha diffuso una nota in cui dà conto del vertice tenuto in videoconferenza con la ministro Teresa Bellanova. Eccone il testo integrale.

“Per fronteggiare le pesanti ripercussioni che l’emergenza sanitaria dovuta al Coronavirus sta causando al comparto agricolo piemontese e all’immagine dei prodotti agroalimentari “made in Piemonte”, l’Assessorato all’Agricoltura e cibo della Regione Piemonte si è già attivato per individuare risorse finanziarie aggiuntive derivanti dai fondi europei, tramite il Programma di sviluppo rurale, e da fondi statali finalizzati a riabilitare l’immagine dell’agroalimentare italiano e nel caso specifico a difesa dei prodotti eccellenti piemontesi”.

“Oggi ho esposto al ministro Bellanova la necessità di modificare e prorogare le normative allo scopo di venire incontro alle varie scadenze che devono affrontare le aziende e così alleviare le gravi difficoltà finanziarie per i nostri agricoltori”. 

Lo dichiara l’assessore regionale all’Agricoltura e cibo della Regione Piemonte, Marco Protopapa e aggiunge: “Richiamo all’unità da parte di tutti i soggetti del Tavolo verde del Piemonte, e come Regione siamo pronti ad accogliere suggerimenti ed istanze dai rappresentanti del comparto nello spirito di massima collaborazione ed unità di intenti in un momento di simile difficoltà”.

Le prime istanze sono state presentate al ministro Bellanova questa mattina in Commissione Politiche Agricole, durante la riunione che si è tenuta in videoconferenza.

Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.