Evento. Anteprima Asti e Moscato docg annata 2018 e una masterclass sulla Barbera docg. I Consorzi del vino alla “Santa Alleanza” in nome del territorio

inserito il 15 ottobre 2018

asti-docg

Una Santa Alleanza tra Moscato e Barbera nel nome delle proprie denominazioni. È questa la sensazione che si percepisce alla notizia della nuova iniziativa annunciata dal Consorzio dell’Asti e portata avanti in collaborazione con il suo ente omologo della Barbera. Qui la nota che dà conto dell’evento previsto tra fine novembre e inizio dicembre. Buona lettura.

Moscato d’Asti Experience, questo il nome scelto per la prima edizione dell’Anteprima dedicata alle Denominazioni tutelate dal Consorzio dell’Asti Docg e rivolta alla stampa nazionale ed internazionale. L’evento, che si terrà dal 29 novembre al 2 dicembre, inaugura il calendario delle presentazioni dedicate ai vini Docg, ed è organizzato in collaborazione con il Consorzio della Barbera d’Asti e vini del Monferrato. Un’occasione unica, che consentirà agli ospiti di degustare il Moscato d’Asti Docg appena imbottigliato e l’Asti Docg nelle sue due tipologie, apprezzando il bouquet degli aromi e l’eleganza espressi da questo straordinario vitigno e di vivere una professionale Masterclass con la Barbera d’Asti, nelle sue differenti versioni.

A parteciparvi saranno circa 100 tra giornalisti, wine writers e bloggers, provenienti dai principali mercati di riferimento delle Denominazioni tutelate dai due Consorzi: Stati Uniti, Russia, Cina (e altri paesi asiatici), Nord Europa e ovviamente l’Italia.

Un gruppo attento agli aspetti enogastronomici, di life style e del turismo, che nel corso dell’evento approfondirà la conoscenza dei vini tutelati e dei relativi territori di Langhe-Roero e Monferrato, patrimonio dell’Unesco. Una full immersion che vuole far vivere agli ospiti non solo l’emozione dell’anteprima, ma anche l’unicità di uno dei distretti vitivinicoli più importanti a livello mondiale, dove le coltivazioni dell’uva Moscato e Barbera coprono rispettivamente 9.700 e 4.600 ettari di territorio.

Il programma prevede distinti momenti, necessari per delineare le caratteristiche delle Denominazioni coinvolte nell’evento. I successivi walkaround tasting permetteranno poi ai partecipanti di degustare un’ampia gamma di vini, con un rapporto diretto con i singoli produttori. Alcune visite in cantina chiuderanno un programma che prevede anche un momento esperienziale, organizzato in collaborazione con l’Icif, prestigiosa scuola internazionale di cucina con sede nel castello di Costigliole d’Asti. Qui gli ospiti saranno i protagonisti di una vera e propria sfida culinaria, essendo chiamati a preparare in prima persona piatti della tradizione piemontese, che saranno degustati e giudicati durante il successivo pranzo. Un momento di festa, in linea con il carattere informale che tanto l’Asti Docg quanto la Barbera d’Asti Docg riescono ad esprimere, pur mantenendo grande fascino ed elevatissimi standard qualitativi.

«Moscato d’Asti Experience rappresenta un grande momento di promozione per il mercato nazionale ed internazionale – sostiene Giorgio Bosticco, direttore del Consorzio di Tutela dell’Asti -. L’irrinunciabile legame con la cultura e la storia delle diverse zone di origine del Moscato d’Asti e dell’Asti Docg è ciò che dobbiamo trasferire, per rafforzare la consapevolezza della peculiarità esclusiva della nostra denominazione».

«Siamo lieti di essere partner di questa iniziativa – dichiara Filippo Mobrici, presidente del Consorzio di tutela della Barbera d’Asti e vini del Monferrato –. Una promozione unitaria che siamo certi possa giovare a tutta la produzione vitivinicola del Monferrato, di cui la Barbera è la grande testimonial. Siamo certi che la sua qualità saprà conquistare i tanti giornalisti presenti, anche grazie alla sua grande versatilità».

Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.