Evento. Nasce il primo locale brandizzato 958 Santero. Le bollicine piemontesi diventano lounge

inserito il 15 dicembre 2018

46631781_10156783187664399_8636354791808696320_n

Un evento glamour con al centro le bollicine piemontesi nel cuore di una città storica che ha nel suo DNA, insieme al vino, anche l’acqua.
È accaduto venerdì, 14 dicembre, ad Acqui Terme, in provincia di Alessandria, terra di moscato e di brachetto, ma anche sede di stabilimenti termali per via delle sorgenti di acqua solforosa che sgorga calda dal sottosuolo, conosciute fin dall’antichità, e una delle quali alimenta la famosa “bollente”, la fontana posta nel centro storico della città. Nella serata di venerdì, con centinaia di invitati e ospiti d’onore Le Donatella e il dj Paolo Noise, è stato inaugurato il 958 Santero Lounge Café.
Al timone, in partnership con 958 Santero, due imprenditori del settore, Enea Daniele e Ilaria Rucco, che hanno deciso di trasformare il loro “Gusta”, già bar avviato, in un locale completamente dedicato al marchio 958 Santero.
Ne è venuto fuori un lounge café di tendenza che in tutto e per tutto riprende il design, la grafica e l’immagine delle bottiglie 958 Santero.
Il risultato è un insieme di ambienti giovani, colorati e alla moda.
Per Gianfraco Santero, presidente della casa spumantiera con Cantine e vigneti tra Santo Stefano Belbo (Cuneo) e Canelli (Asti), il 958 Santero Lounge Café di Acqui Terme è solo l’inizio di un progetto più ampio, «L’idea – dice – è di aprire altri locali firmati 958 Santero in altre città».
Intanto il 958 Santero Lounge Café di Acqui ha aperto col botto con centinaia di persone che hanno postato sui social video e foto della festa.
«Abbiamo scelto la città termale perché secondo noi è ricca di potenziale – spiega Santero che aggiunge -. Con Acqui c’è un ottimo feeling, qui abbiamo allestito, lo scorso anno in piazza della Bollente, la nostra convention nazionale e qui, oltre al nostro Asti Secco docg, proporremo l’Acqui docg Rosé, versione non dolce dello spumante a base di uve brachetto». Insomma il global può diventare glocal anche nel mondo delle bollicine con un tocco di glamour che, quando c’è di mezzo un tappo che salta, non guasta mai.

Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.