Frutta in Piemonte. Confagricoltura Cuneo: «Kiwi, produzione stimata in calo del 50% e frutteti estirpati per la “moria”»

inserito il 3 ottobre 2017

kiwi-1024x753

Non solo pesche e altre frutti coltivati in Piemonte hanno subito danni da malattie e maltempo. Confagricoltura Cuneo pone l’accento su una coltivazione di pregio, quella del kiwi che proprio in Piemonte ha estensioni di rilievo con ricadute commerciali e sociali importanti, e lancia l’allarme: quest’anno la produzione sarà dimezzata.
Ecco l’analisi di Confagricoltura Cuneo:
“Purtroppo – spiegano i tecnici di Confagricoltura – molti frutteti colpiti dalla cosiddetta moria del kiwi si sono dovuti estirpare proprio in questi giorni, per limitare il più possibile i danni e per cercare di accorciare il periodo di mancata produzione nel caso di reimpianto: la perdita di raccolto si protrarrà comunque per almeno tre anni”.

L’annata 2017 si sta rivelando particolarmente scarsa, perché le gelate primaverili hanno ridotto in modo consistente la produzione: i frutteti colpiti hanno subito danni nell’ordine dell’80 – 85% e in questi casi ogni pianta non porta più di 3 – 4 kg di frutti.

Complessivamente la produzione, secondo le stime dei tecnici di Confagricoltura, sarà inferiore del 50% rispetto a un raccolto ordinario. Tradotto in cifre significa che quest’anno il Piemonte, con oltre 3.800 ettari di impianti di kiwi, a fronte di una produzione ordinaria di 100.000 tonnellate di frutti, otterrà all’incirca 50.000 tonnellate. Il danno economico è rilevante, quantificato in circa 40 milioni di euro.

“In questo quadro – evidenzia Enrico Allasia, presidente di Confagricoltura Piemonte e Cuneo – è necessario che la Regione individui al più presto le misure da mettere in campo per fronteggiare la moria del kiwi, la fitopatia che sta decimando i frutteti, investendo fin da subito risorse per sviluppare studi approfonditi sulla materia e adottando nel contempo tutte le iniziative utili per ristorare, almeno in parte, i danni subiti dai frutticoltori e per evitare che si depauperi pericolosamente una coltivazione che rappresenta il fiore all’occhiello delle nostre eccellenze produttive”.

Quest’anno, a causa della perdurante siccità, si è dovuti intervenire a più riprese con irrigazioni di soccorso, sia a goccia sia a scorrimento, che hanno comportato ulteriori aumenti dei costi di produzione.

L’unico, ma importante, dato positivo – sottolineano i tecnici di Confagricoltura – è che i pochi frutti raccolti si presentano molto belli, sani, con pezzature che superano anche i 100 grammi. I primi prezzi di mercato dei frutti, stante la scarsità di prodotto a livello piemontese e nazionale, sono in aumento rispetto alla scorsa campagna, quand’erano quotati circa 60 centesimi al chilo (prezzo alla produzione). Quest’anno per le pezzature meno pregiate si parte da 80 – 85 centesimi al chilo, per salire  fino a 1 euro al chilo per il miglior raccolto”.

 

Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.