Guide. Il Gambero Rosso anticipa i Tre Bicchieri della “rossa” 2019. Sugli scudi Barolo e Barbaresco, ma si vedono anche la Barbera e il Nizza docg con Alta Langa e Moscato Canelli

inserito il 17 ottobre 2018

914bed2a2ac69fd6e51a3bc45b0731f0_l

Gambero Rosso ha anticipato sul suo sito (qui) i vini premiati con i Tre Bicchieri per l’edizione 2019 della sua guida “rossa”. Nella presentazione i redattori hanno già analizzato la situazione che qui sintetizziamo: come da previsioni c’è un exploit del vitigno nebbiolo nelle sue massime espressioni Barolo e Barbaresco. Tuttavia anche altre tipologie stanno emergendo sulla “rossa” del Gambero: la Barbera d’Asti docg e la sua elezione che è una denominazione autonoma (basta chiamarla sottozona!) Nizza docg. Poi c’è l’Alta Langa che secondo quelli del Gambero sta aumentando in considerazione e marchi, meritatamente, aggiungiamo noi, anche se, e non vale solo per Alta Langa, i vini piemontesi dovrebbero comunicare di più e meglio. Non bastano media tour con blogger e influecer, non bastano comunicati stampa e canali social patinati, ma poco interessanti se non addirittura banali per non parlare dei siti web impolverati o decadenti. Mancano, a nostro avviso, contenuti di spessore, il racconto della vigna (perché sul vino si sa davvero tutto, a volte fin troppo), delle famiglie, degli uomini e delle donne che stanno dietro un’etichetta, un appezzamento, un marchio. Questo il Piemonte ce l’ha ed è ancora tutto da costruire. Piemonte del vino deve rendersene conto e farlo. C’è tempo, ma non troppo. Tocca muoversi.
Intanto, però godiamoci i Tre Bicchieri.

Alta Langa Zero Ris. ’12 – Enrico Serafino

Barbaresco Albesani ’14 – Cantina del Pino

Barbaresco Albesani Santo Stefano Ris. ’13 – Castello di Neive

Barbaresco Asili ’15 – Ca’ del Baio

Barbaresco Asili ’15 – Ceretto

Barbaresco Asili Ris. ’13 – Produttori del Barbaresco

Barbaresco Asili V. Viti ’13 – Roagna

Barbaresco Camp Gros Martinenga Ris. ’13 – Tenute Cisa Asinari dei Marchesi di Grésy

Barbaresco Cottà ’15 – Sottimano

Barbaresco Currà Ris. ’12 – Bruno Rocca

Barbaresco Montaribaldi ’14 – Fiorenzo Nada

Barbaresco Montefico ’15 – Carlo Giacosa

Barbaresco Pajoré ’15 – Bel Colle

Barbaresco Rabajà ’15 – Giuseppe Cortese

Barbaresco Sorì Tildin ’15 – Gaja

Barbera d’Alba Vittoria ’15 – Gianfranco Alessandria

Barbera d’Asti L’Avvocata ’17 – Coppo

Barbera d’Asti Lavignone ’17 – Pico Maccario

Barbera d’Asti Nuda ’15 – Montalbera

Barbera d’Asti Sup. V. La Mandorla ’16 – Luigi Spertino

Barbera del M.to ’16 – F.lli Facchino

Barbera del M.to Sup. Bricco Battista ’15 – Giulio Accornero e Figli

Barbera del M.to Sup. Le Cave ’16 – Castello di Uviglie

Barolo Bricco Ambrogio ’14 – Negretti

Barolo Bussia 90 Dì Ris. ’12 – Giacomo Fenocchio

Barolo Bussia V. Mondoca Ris. ’12 – Poderi e Cantine Oddero

Barolo Cannubi ’14 – Marchesi di Barolo

Barolo Cerretta ’14 – Giacomo Conterno

Barolo del Comune di La Morra ’14 – Brandini

Barolo Falletto V. Le Rocche Ris. ’12 – Bruno Giacosa

Barolo Ginestra Ris. ’11 – Cascina Chicco

Barolo Ginestra Ris. ’10 – Paolo Conterno

Barolo Lazzarito Ris. ’12 – Ettore Germano

Barolo Monprivato ’13 – Giuseppe Mascarello e Figlio

Barolo Monvigliero ’14 – F.lli Alessandria

Barolo Novantesimo Ris. ’11 – Paolo Scavino

Barolo Rapet ’14 – Ca’ Rome’

Barolo Ravera Bricco Pernice ’13 – Elvio Cogno

Barolo Ris. ’11 – Giacomo Borgogno & Figli

Barolo Rocche dell’Annunziata ’14 – Renato Corino

Barolo Rocche di Castiglione ’14 – Vietti

Barolo Sottocastello di Novello ’13 – Ca’ Viola

Barolo Vigna Rionda Ester Canale Rosso ’14 – Giovanni Rosso

Colli Tortonesi Timorasso Il Montino ’16 – La Colombera

Coste della Sesia Nebbiolo ’15 – Odilio Antoniotti

Derthona Sterpi ’16 – Vigneti Massa

Dogliani Papà Celso ’17 – Abbona

Dolcetto di Ovada ’16 – Tacchino

Erbaluce di Caluso 13 Mesi ’16 – Benito Favaro

Fara Bartön ’15 – Gilberto Boniperti

Gattinara Osso San Grato ’14 – Antoniolo

Gattinara Ris. ’13 – Giancarlo Travaglini

Gavi del Comune di Gavi Minaia ’17 – Nicola Bergaglio

Gavi V. della Madonnina Ris. ’16 – La Raia

Ghemme ’13 – Torraccia del Piantavigna

Ghemme Balsina ’13 – Ioppa

Giuseppe Galliano Brut Nature M. Cl. ’13 – Borgo Maragliano

Grignolino del M.to Casalese ’17 – Tenuta Tenaglia

Langhe Rosso Giàrborina ’16 – Elio Altare

Marcalberto Extra Brut Millesimo2Mila13 M. Cl. ’13 – Marcalberto

Millesimato Pas Dosé M. Cl. ’13 – Contratto

Moscato d’Asti Canelli Ciombo ’17 – Tenuta Il Falchetto

Moscato d’Asti Casa di Bianca ’17 – Gianni Doglia

Nizza ’15 – Tenuta Olim Bauda

Nizza Augusta ’14 – Isolabella della Croce

Nizza La Court Ris. ’15 – Michele Chiarlo

Nizza Liberta ’15 – Roberto Ferraris

Ovada Convivio ’16 – Gaggino

Piemonte Moscato Passito La Bella Estate ’16 – Vite Colte

Piemonte Pinot Nero Apertura ’15 – Colombo-Cascina Pastori

Roero Arneis Cecu d’la Biunda ’17 – Monchiero Carbone

Roero Arneis Sarun ’17 – Stefanino Costa

Roero Ròche d’Ampsèj Ris. ’14 – Matteo Correggia

Roero Valmaggiore V. Audinaggio ’16 – Cascina Ca’ Rossa

Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.