Novità. Il Monferrato doc Nebbiolo è una realtà. Mobrici (Consorzio): «Valore aggiunto per tutto il Piemonte»

inserito il 20 settembre 2018

L’ipotesi di un vino Piemonte Nebbiolo aveva fatto inalberare alcuni produttori albesi che, Consorzio del Barolo in testa, si erano da subito dichiarati fortemente contrari alla nascita di una denominazione che, secondo loro, avrebbe portato confusione e “sfruttato” il brand langarolo Nebbiolo. Insomma una sorta di difesa di una primogenitura.
Astigiani e Monferrini, on il Consorzio della Barbera in prima fila, non solo avevano difeso la proposta, ma avevano portato una serie di motivazioni che, tuttavia, non avevano convinto i contrari. Alla fine un compromesso era stato quello di proporre il Monferrato Nebbiolo (leggete qui) che in questi giorni diventa realtà come dice la nota ufficiale del Consorzio della Barbera e Vini del Monferrato che pubblichiamo qui. Buona lettura  

Il Comitato Vitivinicolo Nazionale ha approvato questa mattina il testo del disciplinare di produzione della nuova Denominazione di Origine monferrina: la neonata Monferrato doc Nebbiolo riunisce 335 comuni nelle province di Asti e Alessandria. 600 sono gli ettari potenzialmente destinabili a Monferrato doc Nebbiolo e oltre 500 le aziende interessate da questa possibilità legislativa. Filippo Mobrici, presidente del Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato commenta così la notizia: “E’ stato un lavoro di squadra complesso, un iter che ha coinvolto diversi attori della filiera e siamo orgogliosi del riconoscimento della qualità del Nebbiolo monferrino. Ringraziamo tutti coloro che ci hanno dato fiducia: il Consiglio di Amministrazione del Consorzio Barbera d’Asti, le associazioni di categoria, la Regione Piemonte, il Comitato Vitivinicolo Nazionale e il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali che ha accolto la richiesta” Le analisi di laboratorio evidenziano parametri analitici di grande qualità per questo vitigno ben noto in Piemonte, ora è possibile dargli un nome e un cognome: un Nebbiolo prodotto nel Monferrato. Prosegue Mobrici, anche presidente del consorzio Piemonte Land of Perfection: “Un altro tassello che aggiungiamo al lavoro di riconoscimento del brand ‘Monferrato’ nella speranza di poter dare maggiori opportunità ai viticoltori anche dal punto di vista della valorizzazione economica. Dovrà essere un prodotto di eccellenza essendoci tutte le premesse per l’elevazione della qualità” Diamo forza e valore non solo al Monferrato ma a tutto il Piemonte vitivinicolo”

 

 

Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.