Turismo. ATL Langhe Monferrato e Roero rinnova il Cda. Confermata la “trazione langhetta”. Barbero rieletto presidente. Entra il sindaco di Asti. La Regione indica Silvano Stella di Coazzolo

inserito il 26 luglio 2019

img_4605-1

Il turismo in Piemonte, almeno nel Sud Piemonte, è sempre di più un affare da “langhetti”. Non è ironia né becero campanilismo, ma semplice cronaca dei fatti. Il neonato ente turistico Langhe Monferrato Roero, sorto dalla fusione (ma i maligni parlano di annessione) tra l’Atl di Alba-Bra e quella di Asti, ha rinnovato in questi giorni il Cda.
Ebbene, è stata confermata la “trazione langhetta”, e non avrebbe potuto essere diversamente visto il “potere di fuoco” della “vecchia” Atl albese-braidese che negli ultimi vent’anni ha saputo imporsi a suon di progetti e iniziative uniche e intelligenti e che, soprattutto, hanno davvero incentivato il turismo nelle zone di competenza.
Nell’Astigiano le cose sono andate diversamente, tanto che, alla fine, complice la Legge Madia che imponeva accorpamenti, gli astigiani non hanno potuto far altro che accordarsi con Alba-Bra. E hanno fatto bene, sia chiaro, a patto che ora, come si è sempre detto nelle intenzione, si difenda e tuteli l’astigianità, un valore e una dote preziosa, persino per gli albesi, se sapranno valorizzarla.
Ma queste sono cose di “governance” che, nel bene e nel male, sono nelle mani dei politici. Vedremo.
Intanto ecco la nota stampa ufficiale che dà conto del rinnovo del Cda dell’Atl Langhe Monferrato. Buona lettura.

Si è svolta oggi, giovedì 25 luglio 2019, alle ore 18, nella Sala Beppe Fenoglio di Alba, l’Assemblea dei Soci dell’ATL Langhe Monferrato Roero che ha rinnovato le cariche sociali. È la prima nomina del consiglio d’amministrazione da parte dell’assemblea allargata al territorio di Langhe Roero e della Provincia di Asti.

Luigi Barbero è stato confermato presidente dell’ATL.

La composizione del Cda:

Barbero Luigi, presidente

L’Episcopo Maria, vicario (consigliere comunale città di Alba)

Grasso Elisabetta (direttore consorzio turistico Langhe Monferrato Roero)

Rasero Maurizio (Sindaco di Asti)

Stella Silvano, designato dalla Regione Piemonte

Il Collegio sindacale

Dabbene Angelo, presidente

Berzia Roberto

Mazzucato Luisa

Organismo di vigilanza

Livio Genesio

Mauro Prino

Gian Paolo Roggero

Bruna Sibille

Daniele Sobrero

Bruno Penna

Luigi Barbero, Ente Turismo Langhe Monferrato Roero

Apprezzo la fiducia che mi è stata accordata dai soci. Ho dato la mia disponibilità a proseguire l’incarico in qualità di Presidente del consiglio di amministrazione fino al completamento della sottoscrizione di capitale e alla definizione degli ultimi atti di accorpamento dell’ATL di Asti nella nuova ATL Langhe Monferrato Roero. Ripartiamo con un consiglio di amministrazione con nuovi soggetti, rappresentativi di un territorio ampio. Sono convinto che l’ottimo lavoro svolto fino ad oggi, con il coinvolgimento di tutto il territorio, dei soci pubblici e privati, nell’area storica dell’ATL Langhe e Roero avverrà in ambito più allargato nelle Langhe Monferrato Roero.

I dati dei flussi turistici sono in forte crescita e i risultati conseguiti negli ultimi anni sono molto positivi. I mercati sono sempre in aumento e la destagionalizzazione dell’offerta è ormai in atto da tempo. La proposta turistica è omogenea sia nelle Langhe Roero sia in Monferrato e coinvolge tutto il territorio in maniera uniforme, senza creare concorrenze. Consolidare i risultati ottenuti, creare nuovi prodotti turistici, segmentare l’offerta in funzione del target di riferimento, sono alcune delle sfide che affronteremo nei prossimi mesi, grazie in primis alla collaborazione con la Regione Piemonte. L’offerta enogastronomica, dell’outdoor, del paesaggio UNESCO, sono tra i prodotti che costituiscono fondamenta solide per costruire in futuro nuovi prodotti turistici, per esempio il turismo per famiglie.”

Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.