Vinitaly 2017. Il Brachetto in crisi continua. Ricagno (Consorzio): «Risorgeremo con la promozione». Poi l’affondo: «Collaborazione con l’Asti per una docg “rosè”? Possibile se cambiano i vertici»

inserito il 11 aprile 2017

ricagno-vinitaly-2017

Paolo Ricagno non ha mai avuto peli sulla lingua. Produttore di lungo corso, da decenni alla guida di una cantina sociale dell’acquese, vignaiolo e proprietario di vigneti (si dice quasi 300 ettari) è stato nella governance piemontese dal vino dagli Anni Settanta, ai vertici dei Consorzi dell’Asti e del Brachetto (di cui ancora è presidente), ma anche in rappresentanza dei viticoltori visto che è stato tra i fondatori di Assomoscato.
Al Vinitaly 2017, con altro trenta fiere alle spalle, non ha più voglia di mediazioni e inutili equilibrismi. Si vede e si sente.
Parla della crisi che da troppo tempo affligge il Brachetto e indica la strada: promozione e valorizzazione per riportare in alto il rosso dolce piemontese unico al mondo.
Chiaro anche sulle colpe: «Se la prendono con la presidenza, ma il Consorzio non vende, semmai promuove sulla base delle risorse che fa. Se non le ha non può fare granché e i risultati si sono visti: la crisi».
Il da farsi? «Pubblicità, promozione, comunicazione» i suoi ingredienti.
E sull’ipotesi di unire Asti e Brachetto per un “rosè” a doppia docg è determinato: «Si potrebbe fare anche in tempi brevissimi, a patto che i due consorzi comunichino. Oggi quello dell’Asti non lo fa» è la sua accusa verso l’ente che tra breve dovrà cambiare i vertici con la presidenza che, secondo un “patto tra gentiluomini”, dovrebbe andare alla parte agricola.
Tra i papabili di questo fronte tanti nomi (e per ora sono solo questo): si va dal moscatista Romano Dogliotti, al leader di Assomoscato, Giovanni Satragno, dal direttore della Tre Secoli, Elio Pescarmona, allo stesso Stefano Ricagno, figlio di Paolo e direttore della Cuvage.
Tutti uomini validi, a meno che l’industria non avochi a sé ancora per altri 5 anni la presidenza, creando, però, una frattura con la parte agricola.
Si vedrà. Intanto il presidente del Brachetto qualche sassolino dalle scarpe se l’è già tolto.

Ecco la videointervista.

Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.