Vinitaly finito e… Filippo Mobrici (Consorzio Barbera) tira le orecchie al Piemonte del vino: «Siamo fortissimi, ma dobbiamo essere più squadra sennò facciamo poco»

inserito il 10 aprile 2019

7-10 aprile 2019 Verona 53¡ VINITALY - fotografia di Vittorio Ubertone

Un Filippo Mobrici che non tradisce le aspettative dei lettori di questo blog. Preciso, chiaro, netto nelle interpretazioni del tempo e del periodo che il mondo del vino piemontese sta vivendo il presidente del Consorzio della Barbera non ha mai avuto timore di esprimere il suo pensiero, per scomodo che possa essere.
Così, in questa intervista concessa a SdP, Mobrici parla a trecentosessanta gradi della situazione del vino piemontese, delle dinamiche passate, presenti e future, di quale approccio i produttori, le associazioni di categoria, le istituzioni dovrebbero avere per supportare al meglio un comparto vitivinicolo sempre più strategico sia in campo nazionale sia in campo internazionale. Lo confermano le minacce di dazi e le sanzioni, gli accordi e le partnership decise a favore o sfavore di questo o quel blocco economico e che vedono le agroeccellenze italiane protagoniste nel bene e nel male.
Dunque Filippo Mobrici parla del futuro del vino piemontese con un accenno che merita una sottolineatura: la questione del reddito agricolo. «In qualunque area piemontese o si faccia quello del viticoltore deve essere un mestiere che permetta guadagni dignitosi» dice il presidente della Barbera. Un tema forte che potrebbe, dovrebbe essere perfino tema di una campagna elettorale, o di uno dei tanti forum e convegni a tema enoagricolo.
Qui la nostra intervista a Filippo Mobrici. Buona visione.

Filippo Larganà (filippo.largana@libero.it)
immagini e riprese di Vittorio Ubertone


Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.