Vino e cose buone in TV. L’Acqui docg rosé e il Filetto Baciato protagonisti della trasmissione Eat Parade su Rai Due

inserito il 25 Febbraio 2021

Da anni la TV è attenta al mondo dell’enogastronomia. Molti (per qualcuno troppi) i programmi che se ne occupano. Eat Parade, curata da Bruno Gambacorta, tuttavia, è una striscia settimanale collegata al TG2 che ha come missione di raccontare le eccellenze (termine abusato, ma qui perfetto) del territorio italiano. Il Piemonte non può che essere una meta fissa. In questo caso le telecamere di Eat Parade, con la conduzione del collega Fabrizio Salce, hanno messo nel mirino l’Acqui doocg Rosé, spumante a base di uve brachetto, e il Filetto Baciato, originale salume dell’Acquese. Qui di seguito la nota stampa che dà conto della trasmissione.

§§§

È già successo che le eccellenze territoriali venissero messe in risalto a livello nazionale. Questa volta è toccato al Filetto Baciato e all’Acqui docg rosè, di cui si è parlato durante la rubrica Eat Parade curata da Bruno Gambacorta su Rai Due. Il servizio è andato in onda domenica 21 febbraio e sarà replicato venerdi’ 26, alle 13.30 dopo l’edizione del TG2 ed è stato girato dal giornalista Fabrizio Salce e dalla sua troupe.

«Siamo naturalmente felici che l’Acqui docg Rosé si sia trovato protagonista di una trasmissione TV nazionale che racconta le eccellenze del territorio italiano» commenta il presidente del Consorzio Vini d’Acqui, Paolo Ricagno che aggiunge: «Del resto le bollicine dell’Acqui docg Rosé, sono al 100% italiane, ottenute da un unico vitigno assolutamente autoctono e sono ideali con il Filetto Baciato come abbinate a tante altre tipicità piemontesi e italiane della cucina e dell’agroalimentare. Un vanto tutto del Piemonte e che di cui i piemontesi devono a buon diritto andare fieri e orgogliosi»  

Il Filetto baciato, ideato a Ponzone (Al) alla fine dell’800 da Romeo Malò, è il salume più insolito del Piemonte, in quanto è composto da carne macinata che ricopre un “cuore” intero di filetto (o sottofiletto) di maiale. Il servizio televisivo si è aperto fornendo un dettagliato quadro storico, per poi proseguire nei locali della Salumeria Giachero a Ponzone, dove si è mostrato come si produce questa prelibatezza sabauda. Tornando nuovamente ad Acqui Terme, i giornalisti di Rai Due hanno fatto visita alle cucine del ristorante “I Caffi”, in cui la chef Sara Chiriotti ha preparato per loro un panino con pane artigianale realizzato con olive Taggiasche e farcito con fette di Filetto Baciato e burro. Alessio Lo Sardo, dell’Enoteca Regionale “Terme e Vino”, invece, ha mostrato come accompagnare il piatto con delle bollicine di Acqui Docg Rosé.

«Le nostre eccellenze tornano nuovamente sul palcoscenico nazionale – dichiara il sindacoLorenzo Lucchini –. Questa è la dimostrazione che il patrimonio di cui disponiamo è unico, e continua a stupire e a meravigliare. Protagonista di questo servizio non è stato solo un prodotto tipico come il filetto baciato, ma hanno potuto avere risalto anche i nostri vini. Possediamo un patrimonio enogastronomico che non ha nulla da invidiare ad altre città e, consapevoli di ciò, il nostro compito è impegnarci da cittadini a diffondere sempre più le nostre eccellenze».

Il Consorzio Tutela Vini D’Acqui ed il Comune di Acqui Terme ringraziano per la partecipazione al servizio televisivo Lionello Archetti-Maestri, Sara Chiriotti e Alessio Lo Sardo.

Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.