Vino: Fiorio (vice presidente Comagri), «Rilevati problemi tecnici sul registro telematico, tutelare le aziende». E a Martina scrivono anche le associazioni

inserito il 28 giugno 2017

0900911doujaube004

«Il registro telematico del vino che entrerà in vigore il 30 giugno prossimo sta registrando in queste ore inconvenienti di carattere tecnico. E’ necessario trovare una soluzione per il settore che dovrà affrontare una vendemmia già problematica», lo dichiara Massimo Fiorio, astigiano (è stato sindaco di Calamandrana) deputato Pd e vicepresidente della Commissione Agricoltura di Montecitorio. «Chiediamo al Ministero delle Politiche agricole – aggiunge Fiorio che è stato anche relatore della legge testo unico sul vino – di verificare l’entità di tali inconvenienti e di valutare l’opportunità, qualora non fosse possibile garantire l’efficacia del sistema informatizzato, di salvaguardare comunque le aziende interessate».
Un appello che è stato raccolto anche dalle associazioni di categoria che hanno inviato al ministro Maurizio Martina una lettera firmata dai presidenti nazionali e che riportiamo in formato di immagine digitale.
Gli intoppi di carattere tecnico che ha segnalato Fiorio si vanno a sommare alle perplessità emerse in vari convegni nei quali si erano presentati i vantaggi del registro telematico. Ora i produttori sperano che tutto venga risolto nel più breve tempo possibile.

Ecco la lettera inviata al ministro dalle associazioni di categoria dei vitivinicoli:

19510356_1597986826912283_4583347974043780437_n19598525_1597986830245616_8063736154270378565_n

 

 

Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.