Evento. Barbera d’Asti docg, chef stellati e super merluzzo norvegesi al Barbera Fish Festival edizione 2019 (a ottobre)

inserito il 6 giugno 2019

skrei

Che cosa hanno in comune le colline di Agliano Terme, nell’Astigiano, il Bocuse d’Or, famoso concorso mondiale di alta cucina (in cui gli italiani si piazzano sempre fuori dal podio), la Barbera d’Asti docg e il merluzzo norvegese selvaggio? Tutto. Almeno da quando il paese agricolo, famoso per un impianto termale mai abbastanza valorizzato, ospita il Barbera Fish Festival, genialata che abbina il rosso piemontese al pesce pescato in Norvegia, cioè il merluzzo di cui l’Italia è da secoli il mercato di riferimento, e da quando sempre ad Agliano è di casa la nazionale di chef norvegesi che nel 2018 si sono piazzati al primo posto nella tappa italiana del Bocuse. E l’altro giorno, sulle colline aglianesi, nella bella cornice di una casa di vacanze restaurata da una coppia norvegese, ecco che si sono materializzati uno chef stellato e un selezionatore (e venditore) di super merluzzi che quando li scongeli senti il profumo dell’oceano, altro che supermercato del greddo. A proposito l’azienda vende questo pesce d’elite a 25 euro al chilo (appena qualche euro in più che al super) e dal prossimo anno lo farà anche sul web, quindi amanti del merluzzo preparate clic e carta di credito.
Comunque l’incontro con chef e venditore era soprattutto per parlare delle novità del prossimo Barbera Fish Festival che si terrà a ottobre. Ecco la nota stampa che dà conto di quello che è successo qualche giorno fa e di quello che accadrà al BFF (partner il Consorzio della Barbera), insieme a foto ufficiale e a qualche scatto e video realizzato da SdP. Buona lettura e buona visione.

Lo chef Gunnar Hvarnes, coach della squadra del Bocuse d’Or Norvegia che nell’ultima edizione della prestigiosa competizione ha conquistato il terzo posto con Christian Andre Pettersen, sarà ospite del Barbera Fish Festival, la kermesse dedicata all’abbinamento fra la Barbera d’Asti e il merluzzo norvegese in programma ad Agliano Terme, in provincia di Asti, dall’11 al 13 ottobre 2019.

Per Hvarnes, medaglia di bronzo al Bocuse nel 2011, è un ritorno nel piccolo borgo immerso fra i vigneti Unesco: a giugno dell’anno scorso la nazionale norvegese da lui guidata, infatti, ha trascorso all’Agenzia di Formazione Professionale Colline Astigiane – Scuola Alberghiera di Agliano la settimana di training prima delle finali europee del Bocuse d’Or di Torino, dove la Norvegia ha conquistato il primo posto. Il legame dello chef con Agliano è nato nel 2014, quando Hvarnes ha partecipato alla prima edizione del Barbera Fish Festival.

L’edizione di quest’anno del Barbera Fish Festival punta sull’elevatissima qualità dello skrei, il pregiato merluzzo norvegese delle isole Lofoten, garantita grazie alla nuova collaborazione con Vaag Seafood, azienda che lavora soltanto con i pescatori locali che pescano a bordo di piccole barche con metodi sostenibili e senza l’uso di reti, rispettando la stagionalità. Il pesce, che ha ottenuto la certificazione Msc, certificazione internazionale di sostenibilità, viene pescato, sfilettato e subito dopo sottoposto a un processo di abbattimento a -50° (superfreezing), temperatura che limita al massimo la creazione di cristalli di ghiaccio, preserva la freschezza e mantiene intatta le consistenza del pesce. Vaag Seafood, che ha sede nell’incantevole villaggio di pescatori di Henningsvær, una delle più rinomate località turistiche delle Lofoten, sbarca per la prima volta in Italia grazie al Barbera Fish Festival, alla ricerca di nuovi mercati al di fuori di quello nazionale norvegese.

Gunnar Hvarnes ha raggiunto Agliano Terme in questi giorni, insieme a Harald Dahl, proprietario di Vaag Seafood, per inaugurare la nuova collaborazione e incontrare gli organizzatori del Barbera Fish Festival.Agliano Terme è diventata per me ormai la mia seconda casa ha affermato Hvarnes, che con lo skrei di Vaag Seafood ha preparato un appetizer abbinato alla Barbera d’Asti. Per Dahl il viaggio in Piemonte è stata anche l’occasione per presentare i propri prodotti ad alcuni chef stellati e ristoratori del territorio. Ho scelto l’Italia perché sono curioso di far incontrare il meglio del merluzzo norvegese con l’altrettanto rinomata cucina italiana e i vini piemontesi e italiani. La mia visita di questi giorni e la partecipazione al Barbera Fish Festival sono un’opportunità per far conoscere i miei prodotti a un nuovo pubblico ed entrare anche in contatto con i migliori chef stellati della zona ha dichiarato Harald Dahl.

Il Barbera Fish Festival, il cui programma completo e gli altri ospiti saranno svelati nelle prossime settimane, è organizzato da Barbera Agliano, in collaborazione con l’Agenzia di Formazione Professionale Colline Astigiane – Scuola Alberghiera, il Comune di Agliano Terme, e da quest’anno con il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato.

La presenza di Gunnar Hvarnes come ospite a cinque anni di distanza dalla prima edizione, oltre ad essere un onore ed un piacere, certifica che il progetto ha basi solide ed è pronto per aprirsi a nuove collaborazioni che a breve sveleremo. La qualità è da sempre il mantra che ci ripetiamo nell’organizzazione del Barbera Fish Festival: siamo quindi entusiasti di poter affiancare alle Barbere d’Asti dei nostri produttori aglianesi la massima eccellenza possibile per quanto concerne il merluzzo fresco grazie alla collaborazione con Harald Dahl di Vaag Seafooddichiara Fabrizio Genta, presidente di Barbera Agliano.

Rinnoviamo con soddisfazione il nostro sostegno al Barbera Fish Festival, in considerazione dell’importanza del mercato norvegese per la nostra Denominazione. La conoscenza che Gunnar Hvarnes vanta della Barbera d’Asti ci consente di legarla perfettamente alla cucina norvegese, a tutto vantaggio di quell’international pairing che contraddistingue il nostro vino. Significativa è, inoltre, la presenza di Vaag Seafood, che con i suoi concetti di sostenibilità e rispetto ambientale è perfettamente in linea con le politiche del nostro Consorzio, da sempre impegnato nella salvaguardia del suo territorio di riferimento”, dichiara Filippo Mobrici, presidente del Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato.

Le linee guida che stanno alla base del Barbera Fish Festival sono in sintonia con ciò che la neoeletta amministrazione intende perseguire per la promozione del nostro borgo, con la collaborazione di tutti gli Aglianesi, esaltando e comunicando le eccellenze del nostro territorio e dei nostri prodotti; inoltre, poterlo fare con chi ama e apprezza Agliano Terme al punto da decidere di acquistare casa e intraprendere nuove attività, come da anni avviene con gli amici Norvegesi, è per noi un immenso piacere. Ringrazio l’Associazione Barbera Agliano e tutti coloro che concorrono alla realizzazione dell’evento, l’Agenzia di Formazione Professionale Colline Astigiane e il Consorzio Barbera d’Asti e Vini del Monferrato”, dichiara Marco Biglia, neosindaco di Agliano Terme.

Prestare la nostra professionalità al servizio delle iniziative di promozione e di valorizzazione che il territorio esprime, dare nel contempo la possibilità ai nostri allievi di fare una esperienza importante al fianco di Istituzioni ed Enti è per la Scuola una grande opportunità da cogliere al volo. Il coinvolgimento di personalità illustri di livello nazionale ed internazionale stimola positivamente i nostri allievi a fare sempre meglio e dà loro l’orgoglio di appartenere ad una Scuola che desidera essere un punto di riferimento nel settore”, dichiara Secondino Aluffi, presidente dell’Agenzia di Formazione Professionale Colline Astigiane. 

Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.