+++ FLASH +++ Massimiliano Giansanti, romano, è il nuovo presidente nazionale di Confagricoltura. In giunta anche il piemontese Luca Brondelli (Alessandria) ++++

inserito il 30 marzo 2017

150226confagri_astidocg

Massimiliano Giansanti, 43 anni, romano, una laurea in economia che conduce aziende agricole in provincia Roma, Viterbo e Parma ad indirizzo cerealicolo e zootecnico è il nuovo presidente nazionale di Confagricoltura.

Massimiliano Giansanti

Massimiliano Giansanti

E’ stato eletto oggi dall’assemblea alla guida dell’Organizzazione per il prossimo triennio. Giansanti succede a Mario Guidi che ha presieduto Confagricoltura per due mandati ed è stato anche coordinatore di Agrinsieme, il consorzio che riunisce anche Cia e Confcooperative. Confagricoltura, tra le principali organizzazioni di settore, è la più antica con oltre cento anni di storia. Attualmente sono associate 145.200 mila imprese agricole, 222.000 imprese agricole di coltivatori diretti e lavoratori autonomi e 301 mila imprese di altro tipo. I datori di lavoro associati a Confagricoltura rappresentano i due terzi del totale delle imprese del comparto e hanno alle loro dipendenze oltre 500 mila lavoratori. L’organizzazione conta 19 federazioni regionali e 95 unioni provinciali. La sede nazionale è a Roma nello storico Palazzo Della Valle.

Luca Brondelli di Brondello

 

Nella giunta esecutiva che affiancherà Giansanti è entrato il piemontese Luca Brondelli di Brondello, classe 1964, sposato con due figli, titolare dal 1996 dell’azienda agricola ed agrituristica “Tenuta Guazzaura” a Serralunga di Crea (zona di Casale Monferrato). Le principali colture presenti sono cereali, foraggere e viti per un totale di 160 ettari. Brondelli, che è anche rappresentante di parte agricola per quanto riguarda il moscato, sostituisce l’astigiano Ezio Veggia che è stato vicepresidente nazionale per due mandati. Altro piemontese ai vertici nazionali di Confagricoltura è il produttore vitivinicolo di Canelli (Asti), Andrea Faccio, da un anno presidente nazionale di Confagricoltura Vino che resterà in carica fino a fine 2021. Massimiliano Giansanti era venuto in Piemonte nel 2015. Ad Asti aveva incontrato i vertici del Consorzio di Tutela dell’Asti. SdP lo aveva intervistato. Qui riproponiamo immagini e video di quella giornata.

Filippo Larganà (filippo.largana@libero.it)

Lascia un Commento


I commenti inviati non verranno pubblicati automaticamente sul sito, saranno moderati dalla redazione.
L’utente concorda inoltre di non inviare messaggi abusivi, diffamatori, minatori o qualunque altro materiale che possa violare le leggi in vigore.
L’utente concorda che la redazione ha il diritto di rimuovere, modificare o chiudere ogni argomento ogni volta che lo ritengano necessario.