Sapori del Piemonte Blog

Il Blog per gli appassionati dell\'\'enogastronomia piemontese, ma anche dei paesaggi, dell\'arte e della storia del Piemonte – una realizzazione di Filippo Larganà e Vittorio Ubertone

fate vobis

Intervento. Ricagno (Consorzio Brachetto) lancia l’allarme: «Maltempo, crisi e mercato del lavoro minacciano il mondo del vino piemontese. Vignaioli e industrie si parlino per decidere che fare»

ricagno-crisi-2018

Anni fa aveva lanciato l’idea degli Stati Generali del Vino piemontese, ma al di là di qualche cena tra eno imprenditori, niente era stato deciso e nulla eracambiato. Oggi, complici i giorni di maltempo che hanno caratterizzato questo primo scorcio di fine primavera e inizio estate con piogge continue e temperature autunnali precipitate anche di dieci gradi rispetto alla norma, Paolo Ricagno,...



diam

segnali di fumo







le vite del vino

LE VITE DEL VINO – Parlano gli uomini e le donne che hanno fatto grande nel mondo il vino piemontese. GIULIANO NOE’

noe

Giuliano Noè è uno dei più celebrati “dottori del vino” piemontesi. Enologo di origine albese e astigiano di adozione abita e lavora a Nizza Monferrato. Al suo nome sono legati molti grandi vini. Molti sono Barbere, e proprio alla Barbera d’Asti Noè ha dedicato anni della sua vita (oggi è ottantenne) tanto da meritarsi l’appellativo, a cui tiene molto, di “barberologo”.Ha incontrato...

vinitaly

Analisi. Il 52° Vinitaly del Piemonte, tra dimenticanze (Unesco? Web?) e buone prospettive, comunque va. Anche se non corre ancora

30708645_1981602461852590_3029787470241970832_n

Vinitaly mon amour. Questa volta ci tiriamo fuori dal gioco “cosa ha funzionato e cosa no” al 52° Vinitaly di Verona che ha chiuso i battenti il 18 aprile scorso. Troppo facile parlare di traffico, parcheggi pieni, viabilità affaticata, varchi affollati, lettori laser non funzionanti. A mente fredda, a tre giorni dalla fine della kermesse scaligera, ci siamo limitati ad analizzare alcuni aspetti...

fotografie

Manifestazioni. Torna la Fagiolata di San Defendente a Castiglione d’Asti. Il “rito” della condivisione vera

dsc_6785

Le immagini del nostro Vittorio Ubertone sono di quattro giorni fa, ma la tradizionale festa della Fagiolata di San Defedente, a cui si riferiscono si rifà a un evento del 1200. Siamo a Castiglione d’Asti, frazione di Asti. Ogni anno, il 2 gennaio, c’è la lenta cottura dei fagioli nei tipici paioli di rame posti su fuochi di legna. Un rito collettivo che affonda le radici nel tempo...

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
.