Sapori del Piemonte Blog

Il Blog per gli appassionati dell\'\'enogastronomia piemontese, ma anche dei paesaggi, dell\'arte e della storia del Piemonte – una realizzazione di Filippo Larganà e Vittorio Ubertone

fate vobis

Goodwine 2018 a Neviglie. Sulla viticoltura sostenibile tutti d’accordo, ma il tema va sviluppato in condivisione e su diversi fronti per il futuro del Piemonte vitivinicolo

dsc_8727

È stato un dibattito intenso, a volte anche con toni accessi, quello che ha animato il forum di Goodwine 2018, la rassegna di enogastronomia e cultura, giunta alla 24ª edizione, che si è svolto sabato scorso (14 luglio) a Neviglie in provincia di Cuneo.  Al talk show, organizzato dal Comune e da un pool di associazioni ed enti, voluto dal sindaco e produttore vitivinicolo, Roberto Sarotto, si...



diam

segnali di fumo

Aziende. Novità in Poderi Gianni Gagliardo (La Morra): arrivano i “micro cru” e l’archivio storico dei vini con tanto di libretto d’identità. Segnali per tutto il comparto

img_2460

Dopo la visita ai Poderi Gianni Gagliardo, di La Morra, nell’albese, una delle maison vitivinicole più significative di quest’area, si potrebbe parlare della collina di Serra dei Turchi, dell’anfiteatro naturale disegnato dalle vigne di nebbiolo che si apre davanti a chi guarda, di questa parte di Langa che confina con il Roero. Si potrebbe dare conto, e in qualche modo lo faremo, del Barolo,...



lo dico io

Moscato. Confagricoltura conferma le rese per ettaro e chiede lumi su produzione, bottiglie e vendite della denominazione Asti

logo_piemonte

Non pubblichiamo molte note delle associazioni di categoria, in primis perché riportano un solo punto di vista. Per questa della Confagricoltura piemontese, tuttavia, facciamo una delle rare eccezioni perché tratta di moscato e, al di là delle indicazioni di resa, già per altre indicate da altri attori della filiera, introduce per la prima volta una sorta di richiesta ufficiale a far luce sui...



rumors

Moscato. Assemblea a Santo Stefano Belbo (Cuneo) tra urla, proclami e qualche spiegazione. Il nodo delle rese e del reddito al tempo della libera contrattazione. E dopo i Cobas si evocano i Cat

img_2425

Una riunione per capirci qualcosa e, magari, trovare soluzioni. E invece la solita solfa: molta rabbia urlata, poche idee sul futuro, unico obiettivo il reddito senza, però, mettere sul tavolo progetti e iniziative concrete che trasformino i vignaioli da meri percettori di soldi in protagonisti del proprio lavoro. Quello che è andato in scena lunedì sera (30 luglio) a Santo Stefano Belbo (Cuneo),...



le vite del vino

LE VITE DEL VINO – Parlano gli uomini e le donne che hanno fatto grande nel mondo il vino piemontese. GIULIANO NOE’

noe

Giuliano Noè è uno dei più celebrati “dottori del vino” piemontesi. Enologo di origine albese e astigiano di adozione abita e lavora a Nizza Monferrato. Al suo nome sono legati molti grandi vini. Molti sono Barbere, e proprio alla Barbera d’Asti Noè ha dedicato anni della sua vita (oggi è ottantenne) tanto da meritarsi l’appellativo, a cui tiene molto, di “barberologo”.Ha incontrato...

vinitaly

Analisi. Il 52° Vinitaly del Piemonte, tra dimenticanze (Unesco? Web?) e buone prospettive, comunque va. Anche se non corre ancora

30708645_1981602461852590_3029787470241970832_n

Vinitaly mon amour. Questa volta ci tiriamo fuori dal gioco “cosa ha funzionato e cosa no” al 52° Vinitaly di Verona che ha chiuso i battenti il 18 aprile scorso. Troppo facile parlare di traffico, parcheggi pieni, viabilità affaticata, varchi affollati, lettori laser non funzionanti. A mente fredda, a tre giorni dalla fine della kermesse scaligera, ci siamo limitati ad analizzare alcuni aspetti...

fotografie

Manifestazioni. Torna la Fagiolata di San Defendente a Castiglione d’Asti. Il “rito” della condivisione vera

dsc_6785

Le immagini del nostro Vittorio Ubertone sono di quattro giorni fa, ma la tradizionale festa della Fagiolata di San Defedente, a cui si riferiscono si rifà a un evento del 1200. Siamo a Castiglione d’Asti, frazione di Asti. Ogni anno, il 2 gennaio, c’è la lenta cottura dei fagioli nei tipici paioli di rame posti su fuochi di legna. Un rito collettivo che affonda le radici nel tempo...

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
.