Sapori del Piemonte Blog

Il Blog per gli appassionati dell\'\'enogastronomia piemontese, ma anche dei paesaggi, dell\'arte e della storia del Piemonte – una realizzazione di Filippo Larganà e Vittorio Ubertone

fate vobis

Commento. Alberto Angela tra le Meraviglie italiche cita Langhe-Roero e Monferrato, Barolo e Barbera, ma dimentica il Moscato e Canelli dove sono nati il primo spumante d’Italia e l’idea del sito Unesco

1280x720_1515576403959_meraviglie_langhe

I primi mugugni astigiani erano comparsi sui social e sui media locali già qualche giorno prima della messa in onda della seconda puntata di “Meraviglie – La Penisola dei tesori”, la trasmissione di Rai Uno condotta dal figlio di Piero Angela che presenta, ottima idea, non solo i 53 siti Unesco italiani, ma anche altre meravigliose e originali bellezze italiche. C’è da...






lo dico io



rumors

Intervista. Nasce il primo Alta Langa firmato Contratto. Giorgio Rivetti: «Atto d’amore verso la nostra terra Patrimonio Unesco». Sul Piemonte del vino: «Più spirito di rete» e sull’Asti docg dice che…

dsc_7117

Dietro all’immagine da enologo, da manager grande conoscitore dei mercati e di concreto front man della Contratto di Canelli (Asti), una delle maison piemontesi più blasonate e storiche del Piemonte vinicolo, Giorgio Rivetti, da Castagnole delle Lanze, lato del Sud Astigiano che guarda verso il Cuneese, conserva la verve immediata e schietta del vignaiolo. Del resto i Rivetti, al timone de...



le vite del vino

LE VITE DEL VINO – Parlano gli uomini e le donne che hanno fatto grande nel mondo il vino piemontese. GIULIANO NOE’

noe

Giuliano Noè è uno dei più celebrati “dottori del vino” piemontesi. Enologo di origine albese e astigiano di adozione abita e lavora a Nizza Monferrato. Al suo nome sono legati molti grandi vini. Molti sono Barbere, e proprio alla Barbera d’Asti Noè ha dedicato anni della sua vita (oggi è ottantenne) tanto da meritarsi l’appellativo, a cui tiene molto, di “barberologo”.Ha incontrato...

vinitaly

fotografie

Manifestazioni. Torna la Fagiolata di San Defendente a Castiglione d’Asti. Il “rito” della condivisione vera

dsc_6785

Le immagini del nostro Vittorio Ubertone sono di quattro giorni fa, ma la tradizionale festa della Fagiolata di San Defedente, a cui si riferiscono si rifà a un evento del 1200. Siamo a Castiglione d’Asti, frazione di Asti. Ogni anno, il 2 gennaio, c’è la lenta cottura dei fagioli nei tipici paioli di rame posti su fuochi di legna. Un rito collettivo che affonda le radici nel tempo...

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
.