Sapori del Piemonte Blog

Il Blog per gli appassionati dell\'\'enogastronomia piemontese, ma anche dei paesaggi, dell\'arte e della storia del Piemonte – una realizzazione di Filippo Larganà e Vittorio Ubertone



diam


segnali di fumo

Aziende. Per i suoi primi 57 anni la Cantina Terrenostre (Cossano Belbo) parla del “Picula Rusa”, il Dolcetto “Panda” da salvare

img-20190615-wa0004

Duecento soci, circa 450 ettari di vigneti, soprattutto moscato docg, e una incrollabile fede nei vitigni mito del Piemonte, con il moscato in prima fila, ma anche la barbera, il dolcetto e la favorita declinata con il nome di “Furmentin”. Terrenostre, la cooperativa vitivinicola di Cossano Belbo (Cuneo) presieduta da Pietro Cerruti e diretta dall’enologo Felicino Bianco che è...




lo dico io



rumors

Visita. Delegazione di agenti di viaggio Usa visita Langhe-Roero e Monferrato. Grande vetrina per Alba e dintorni, per il Monferrato toccati Nord Astigiano, Asti, Costigliole, Canelli e Langa Astigiana

gruppo_travel_agents_usa-bis

Gli ultimi due giorni li hanno passati nel Biellese a caccia siti Unesco ed eventi di taglio religioso e di birre, in quest’ordine, gli altri giorni, però, li hanno trascorsi in giro per Langhe-Roero e Monferrato, tra musei, Case vinicole, Cantine storiche e ristoranti stellati. Sono sei tour operators statunitensi che hanno avuto come ciceroni quelli dello staff delle neonata ATL Langhe...



le vite del vino

LE VITE DEL VINO – Parlano gli uomini e le donne che hanno fatto grande nel mondo il vino piemontese. GIULIANO NOE’

noe

Giuliano Noè è uno dei più celebrati “dottori del vino” piemontesi. Enologo di origine albese e astigiano di adozione abita e lavora a Nizza Monferrato. Al suo nome sono legati molti grandi vini. Molti sono Barbere, e proprio alla Barbera d’Asti Noè ha dedicato anni della sua vita (oggi è ottantenne) tanto da meritarsi l’appellativo, a cui tiene molto, di “barberologo”.Ha incontrato...

fotografie

Il settembre astigiano. In attesa dei dati ufficiali convince la fiumana di gente per la due giorni delle Sagre. La Douja (vino) dichiara oltre 12 mila assaggi nel primo weekend, ma i conti si faranno dopo la chiusura il 16 settembre

180909sagreube191

Dopo il Palio, il cui risultato è andato così così per alcuni e benissimo per altri, Asti ci prova con le Sagre e la Douja d’Or a risollevare le sorti di città di Alfieri vocata al turismo. Diciamo subito che per la Douja, il concorso enologico che è in corso e si chiuderà il 16 settembre prossimo, i primi numeri sarebbero in positivo. Gli organizzatori della Camera di Commercio parlano...

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
.